..:: IGZ Forum Community ::..

Go Back   ..:: IGZ Forum Community ::.. > Ultima Online Shards > Atlantide > La Locanda del Sentiero Perduto > Leggende Atlantidee

Reply
 
Thread Tools
Old 07-12-2010, 11:09   #1
The Great Lignarius
Registered User
IGZ Journeyman
 
The Great Lignarius's Avatar
 
Join Date: Sep 2002
Location: Dietro di te!
Posts: 1,764
La verità fa male...

Eccola, era lì davanti hai suoi occhi, la risplendente torre bianca di Abrosia, che governava dall'alto tutta la città! Anni, meglio decadi, che Jeffrey non metteva piede sul sacro suolo di Ambrosiano, ormai errante e eremita da tempo.

Era da tempo ormai che andava vagando per le varie città e umane predicando le verità e storie sui non morti, a cui nessuno dava retta...


"Vapiri?!" gli rispondevano.... "pure superstizioni"

Eppure lui sapeva in fondo alla sua anima che il male non si può scacciare dal mondo, il male si radica nel terreno ed è difficiale da sradicare.

"Certo il male si può potare!, ma ciò che c'è alla superficie è solo la parte più misera....bisogna osservare nelle profondità della terra!, dove l'aria si fa più rada e l'oscurità avvolge la propria figura..."

Così rispondeva sempre Jeffrey agli increduli, ma loro sbeffeggiandolo non gli davano seguito e in molte occasioni lo scacciavano dal loro villagio o città come portatore di rogne.

Ormai ridotto a mendicante ubriacone Jeffrey decise di ritornare alla città in cui aveva vissuto i suoi anni più gloriosi. Forse era un modo per punire se stesso.
Forse era un modo per ritrovare se stesso.... quel valorooso paladino di luce che combatteva con corraggio le forze occulte, gli sembrava ormai così lontano. Come così lontano gli sembrava ormai Mithra.

"Perchè? Mithra...perchè non mi danno seguito.... Io HO VISTO! io HO VISSUTO!" si ripeteva dentro di sè.
La sua convinzione che il male non si potesse essere estirpato così facilmente era chiara e visibile, ma come provarlo?!?!.

Lui, JEFFREY DEAVER, esperto conoscitore dell'arcano e dell'occulto, dopo aver vissuto in prima persona certe situazioni e con segni tangibili di ciò, nn aveva più alcun credito in una società ormai acciecata dal lusso e dal piacere...

"Proprio terreno fertile ..." pensava.

Ormai si era arreso all'evidenza, era diventato un non nulla.....
L e persone non volevano saperne di lui ..... e probabilmente neanche lui di loro....

"...che marciscano tutti, quei dannati...."

una bottiglia dopo l'altra....
una notte insonne dopo l'altra ....già come fidarsi....Lui sapeva la verità....lui era convinto..... lui era a rischio....la NOTTE era il loro regno.... lui lo sapeva bene....Li aveva visti ....li aveva fronteggiati....li aveva rispettati....

"Ma se mi sbagliassi?...no non può essere" si ripeteva.

Già, il dubbio gli sorse , non poco spesso dentro di se.
Perchè vivere unma vita allo sbando, sbeffeggiato da tutti, solo per una credenza di cui non aveva alcuna prova....

No ma lui lo sapeva, lui li conosceva bene, lui aveva studiato, aveva provato, aveva parlato, discusso , ucciso .....

non si può distruggiere il male, sapeva che era ancora radicato come una delle malattie piu grandi di quelle terre....

Sconsolato e barcollante si diresse verso il centro della Ambrosiana intento a perseguire la divulgazione delle sue credenze...e in cerca di ASCOLTO

Il male non è mai scomparso....
__________________

The Great Lignarius
+Pg On Atlantide I-II
+Scripter e WorldBuilder On Atlantide III
Quote:
Originally posted by -+The Mind+-
te lo dice Ligna che è de legno, azzo è significativa sta cosa..
The Great Lignarius is offline   Reply With Quote
Reply

Thread Tools

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

BB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off

Forum Jump


All times are GMT +1. The time now is 21:49.


Powered by vBulletin® Version 3.8.4
Copyright ©2000 - 2018, Jelsoft Enterprises Ltd.
Copyright © 2000-2015 Ampersand Srl - P.IVA 01060210117 - Tutti i diritti riservati
All rights reserved
I marchi sono proprieta' dei rispettivi proprietari