..:: IGZ Forum Community ::..

Go Back   ..:: IGZ Forum Community ::.. > Ultima Online Shards > Avalon World: New Dawn > La Sfera del Destino

 
 
Thread Tools
Old 09-02-2007, 16:34   #1
Nimwid
Registered User
IGZ Neophyte
 
Nimwid's Avatar
 
Join Date: Jun 2006
Location: Carrara
Posts: 148
[RPG] Costituzione e Leggi di Utanir

Oggi, nell'ottavo giorno di Notturno, Plutonese di Gargoyla.

Il senato di Utanir, riunito in assemblea plenaria, vota, ed approva all'unanimità, l'atto costitutivo della città stato di Utanir.


.I Atto della Fondazione

Art. 1 - Utanir è una città-stato libera e sovrana. La sovranità appartiene all’oligarchia Senatoriale che la esercita nelle forme e nei limiti dello Statuto.
Art. 2 - Lo stato è retto da un Governo Senatoriale e dall’Arconte, Primo tra i Pari del Senato.
Il Seggio dell’Arconte è elettivo ed è scelto tra l’Ordine dei Dragoni di Utanir. L’Arconte, eletto, presta in presenza del Senato il giuramento di osservare lealmente il presente Statuto.
Art. 3 - La proposizione delle leggi apparterrà al Senato. L’esecuzione delle stesse all’Arconte, che eserciterà il suo potere per mezzo del Triunvirato.

.II Organi di potere

•Arconte

Art. 4 - All’Arconte appartiene il potere esecutivo e giudiziario che lo esercita tramite il Triunvirato. Egli è il Capo Supremo dello Stato; comanda l’Ordine dei Dragoni, l’Ordine dei Cavalieri, l’Ordine degli Arceri di Utanir e tutte le forze di terra e di mare; dichiara la guerra.
Art. 5 - L’Arconte nomina tutte le cariche dello Stato presiede il senato e coordina l'operato del Triunvirato, tramite il quale fa i decreti e regolamenti necessari per l'esecuzione delle leggi, senza sospenderne l'osservanza, o dispensarne. Egli esercita le sue funzioni mediante l'emissione di Ordini.
Art. 6 - L’Arconte solo sanziona le leggi e le promulga; può far grazia e commutare le pene.

•Triumvirato

Art. 7 - L'Arconte nomina e revoca i suoi triunviri scegliendoli tra i Senatori. Il Triumvirato così costituito:
- Il Tesoriere, che riceve in delega autorità e competenze in ambito amministrativo ed è responsabile dell'economia cittadina. Detiene la carica di vicegovernatore Cittadino.
- Il Legato, che riceve in delega autorità e competenze in ambito di sicurezza e ordine, ha il comando della guarnigione cittadina, ed è responsabile della attività di acquisizione informazioni e di indagine.
- Il GuardaSigilli che riceve in delega autorità e competenze in ambito legislativo nei casi di necessità e urgenza e di concerto con il Triunviro interessato, controfirma gli atti sanzionati dall’Arconte, ed è responsabile dell'amministrazione della giustizia cittadina. Presiede il triumvirato in assenza dell'Arconte.
Art. 8 - In caso si assenza o di impedimento dell'Arconte ad esercitare il proprio ufficio, il triumvirato ne esercita ogni funzione.

•Senato

Art. 9 - Il Senato detiene il potere di promuovere e il regolamentare le attività di sviluppo economico, sociale, militare, religioso e politico di Utanir mediante la proposizione delle leggi, ivi compresi: bandi, trattati di pace, d'alleanza, di commercio ed altri, dandone notizia all’Arconte sempre che l'interesse e la sicurezza dello Stato lo permettano, ed unendovi le comunicazioni opportune. I trattati che importassero un onere alle finanze, o variazione di territorio dello Stato, non avranno effetto se non dopo ottenuto l'assenso dell’Arconte.
Art. 10 - Il Senato è composto di membri nominati a vita dall’Arconte, in numero limitato, e dall’Ordine dei Dragoni di Utanir che fanno di pien diritto parte del Senato. L'assunzione del ruolo di Senatore viene concessa ai cittadini emeriti dopo acclamazione del Senato stesso.
Nessun Senatore può essere ammesso al Senato se non è cittadino di Utanir.
Art. 11 - I Senatori prima di essere ammessi all'esercizio delle loro funzioni prestano il giuramento di essere fedeli a Utanir, di osservare lealmente lo Statuto e le leggi dello Stato e di esercitare le loro funzioni col solo scopo del bene della Patria. Le funzioni di Senatore non danno luogo ad alcuna retribuzione od indennità.
Art. 12 - I Senatori non sono sindacabili per ragione delle opinioni da loro emesse e dei voti dati.
Art. 13 - Le sedute del Senato sono segrete come il voto espresso dai senatori.
Art. 14 - Le sedute e le deliberazioni del Senato non sono legali né valide, se la maggiorità assoluta dei loro membri non è presente. Le deliberazioni non possono essere prese se non alla maggiorità dei voti.
Art. 15 - Ogni proposta di legge dev'essere dapprima esaminata dal Senato. Discussa ed approvata la legge sarà presentata alla sanzione dell’Arconte.
Art. 16 - L'interpretazione delle leggi, in modo per tutti obbligatorio, spetta esclusivamente al potere legislativo.
Art. 17 - Il Senato è costituito in Alta Corte di Giustizia con Ordine dell’Arconte per giudicare dei crimini di alto tradimento, e di attentato alla sicurezza dello Stato. In questi casi il Senato, presieduto dal GuardaSigilli, non è capo politico. Esso non può occuparsi se non degli affari giudiziari, per cui fu convocato, sotto pena di nullità.
Fuori del caso di flagrante delitto, ogni Senatore può essere arrestato se non in forza di un ordine del Senato. Esso è solo competente per giudicare dei reati imputati ai suoi membri.

.III Diritti e Doveri del Cittadino

Art. 18 - Tutti i cittadini, qualunque sia il loro titolo o grado, sono eguali dinanzi alla legge. Tutti godono egualmente i diritti civili, e sono ammissibili alle cariche civili, e militari, salve le eccezioni determinate dalle Leggi.
Art. 19 - Essi contribuiscono indistintamente ai carichi dello Stato. Nessun tributo può essere imposto o riscosso se non è stato consentito dal Senato e dall’Arconte.
Art. 20 - La libertà individuale è garantita. Niuno può essere arrestato, o tradotto in giudizio, se non nei casi previsti dalla legge, e nelle forme ch'essa prescrive.
Art. 21 - Ogni cittadino ha il dovere di contribuire alla difesa di Utanir proporzionalmente alle proprie capacità economiche, produttive, creative e belliche.
Art. 22 - Per salvaguardare gli sforzi comuni,la sicurezza e l'economia della Patria, viene fatto espresso divieto ai cittadini di accedere, a qualunque titolo, a confraternite, associazioni, sodalizi, gilde o consorterie diverse dai Dragoni di Utanir se non espressamente autorizzato con bando dal senato, l'omissione della comunicazione di tale stato da parte del cittadino è parificata all'atto di tradimento.
Art. 23 - Utanir riconosce ai propri cittadini libertà di culto e di fede conformemente alle leggi.

.IV Cittadinanza

Art. 24 - Sono cittadini per diritto tutti coloro nascono ad Utanir e tutti gli appartenenti ai Dragoni di Utanir. Possono essere cittadini per diritto acquisito i discendenti diretti, figli e figlie, riconosciuti e legittimati, dei Dragoni di Utanir.
Art. 25 - Chiunque desideri diventare cittadino di Utanir deve farne richiesta formale all'Arconte, che darà mandato per verificare l'idoneità e l'affidabilità del richiedente secondo le norme vigenti.
Art. 26 - Lo status di cittadino è acquisito con bando del Senato.

.V Giustizia

Art. 27 - Tutti i cittadini colpevoli di mancanze verso la legge hanno diritto ad un giudizio equo e ad una pena proporzionale all'entità della colpa.
Art. 28 - I Reati ordinari vengono giudicati direttamente dal Guardasigilli, che anche giudica tutti i non cittadini colpevoli di mancanze verso la legge.
Art. 29 - I reati di tradimento o insubordinazione verso le istituzioni, civili e militari così come i crimini di guerra, vengono giudicati dal Senato. Per questi reati è prevista la reclusione preventiva e la sospensione da ogni carica e comando sino all'emissione del verdetto.
Art. 30 - Ogni imputato ha diritto alla difesa che può esercitare direttamente o per mezzo di un difensore. Gli interessi dello Stato sono rappresentati dall’accusa nella persona del Legato.

.VI Possedimenti e beni comuni

Art. 31 - Utanir rivendica il proprio diritto ad espandere i suoi territori per accrescere la propria economia e salvaguardare la propria indipendenza.
Art. 32 - Il suolo, le acque, le risorse naturali, le infrastrutture, le abitazioni ed i mezzi di produzione all'interno del territorio nazionale sono assoggettati, ai fini del benessere comune, ad un regime di proprietà collettiva.
Art. 33 - Sono da considerarsi di libero accesso a tutti i cittadini le infrastrutture come forge, mulini, forni, e quanto altro necessario per la lavorazione e trasformazione delle materie prime.
Lo sfruttamento di materie prime quali miniere, alberi da legname, da resina o da frutto, le risorse ittiche, i campi, viene definito per legge.
Art. 34 - La locazione dei campi coltivabili e delle abitazioni civili viene assegnata direttamente dal Tesoriere secondo quanto disposto dalle leggi.


Io, Thandorim, Arconte e Primo tra i Dragoni di Utanir, approvo e pongo il mio sigillo su questo atto che prende forza di Costituzione di Stato con decorrenza immediata.

Last edited by Nimwid; 09-02-2007 at 17:07.
Nimwid is offline  
Old 27-02-2007, 18:02   #2
Kyrian Leir
The Brave Dragon
IGZ Novice
 
Kyrian Leir's Avatar
 
Join Date: May 2001
Location: Roma
Posts: 309
Oggi, nel 3esimo giorno del mese di Perrastio, anno 25,
il Senato di Utanir, riunito in assemblea plenaria, vota, ed approva all'unanimità, il corpo di leggi della città stato di Utanir:


Dei delitti e delle pene

Con Forestiero si identificano tutti coloro che non sono cittadini di Utanir.

Con Rocca si definisce la parte di Utanir inclusa all'interno delle mura compresa la zona residenziale.


I. Dei delitti contro la sicurezza pubblica e la proprietà privata

Qualunque forestiero, all'interno della Rocca, con armi, arti magiche o qualsiasi altro mezzo, causi panico o minaccia ad altri è punito con la multa di 5000 pezzi d'oro. Alla stessa pena soggiace chi celi o dissimuli la propria identità o presenza con maschere, cappucci o ogni altro mezzo.

Chiunque sia sorpreso a rubare o comunque violare l'altrui proprietà o creare danno all'altrui persona, direttamente o indirettamente, è punito con l'arresto immediato per essere giudicato dal tribunale cittadino.

E' fatto divieto a chiunque di possedere o usare rune per l'interno della Rocca. E' ugualmente vietato agli estranei aprire magici portali all'interno delle mura cittadine e a chiunque nella zona residenziale. Infrangere tali divieti comporta l'arresto immediato per essere giudicati dal tribunale cittadino.

L'abigeato è punito con l'arresto immediato per essere giudicati dal tribunale cittadino.

II. Dei delitti contro l'igiene

E' fatto divieto a chiunque di lasciare animali incustoditi all'interno della Rocca oltre il tempo necessario per acquisti o quant'altro (5 minuti real). E' comunque vietato impedire il libero passaggio nelle zone di circolazione. Chiunque violi tali disposizioni è punito con la confisca dell'animale. Alla stessa pena soggiaciono gli estranei che abbandonano il proprio animale nei confini cittadini per oltre 12 giorni (48 ore real)

La macellazione, la cura, l'allevamento e la riproduzione degli animali è permessa nelle aree preposte a tali attività. Il bestiame è ammesso in altre aree solo per il tempo necessario al transito. Comportamenti non conformi a tale disposizione saranno punti con la multa di 5000 pezzi d'oro

Chiunque sia sorpreso a tagliare legna all'interno della Rocca è punito con la multa di 5000 pezzi d'oro. La raccolta di legna è permessa ai cittadini nella zona residenziale.

III. Dei delitti contro la libertà

Utanir si oppone alla cattura, al commercio, e allo sfruttamento di schiavi su tutto il suo territorio, tale pratica è punita con l'arresto immediato per essere giudicati dal tribunale cittadino e con la liberazione degli schiavi.

E' interdetto l'accesso alla città di mercenari (npc) al servizio di forestieri. La pena prevista è l'arresto immediato dei mercenari e la multa di 5000 pezzi d'oro per il loro comandante.

IV. Dei delitti contro la morale

Utanir respinge tutti i culti i cui riti prevedano torture, mutilazioni o sacrifici umani. Tali atti vengono considerati quali aggravanti dei delitti contro la Sicurezza.

V. Dei delitti contro la proprietà pubblica

E' vietato ai forestieri accedere alle strutture difensive, ai palazzi di governo o alla zona residenziale senza la presenza di un cittadino. Chiunque venga sorpreso in tali zone senza espressa autorizzazione è punito con l'arresto immediato per essere giudicato dal tribunale cittadino.

Utanir rivendica la proprietà di tutte le risorse e le infrastutture all'interno dei propri territori, il cui utilizzo e interdetto ai forestieri se non espressamente autorizzati dall'Arconte o dal Tesoriere. Tali atti vengono considerati quali aggravanti dei delitti contro la proprietà privata.


In nome e per conto del Senato
Segue firma dell'Arconte e sigillo del Triunvirato, apposto dal GuardaSigilli
__________________
Kyrian Leir dei Dragoni di Utanir
------------------
...Sentiva il sangue di quella guerra crudele, sparso per mille rivi sulla terra, giungere fino a lui; e se ne lasciava lambire, senza provare accanimento nè pietà...
------------------

...may the GHA!™ be with you... Drugo, last words. †
Kyrian Leir is offline  
 

Thread Tools

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

BB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off

Forum Jump


All times are GMT +1. The time now is 06:00.


Powered by vBulletin® Version 3.8.4
Copyright ©2000 - 2018, Jelsoft Enterprises Ltd.
Copyright © 2000-2015 Ampersand Srl - P.IVA 01060210117 - Tutti i diritti riservati
All rights reserved
I marchi sono proprieta' dei rispettivi proprietari