PDA

View Full Version : FORUM su D&D


RiNcEwInD
12-07-2001, 17:46
Vergognatevi...
Avete un forum su tutto
ma non un forum dedicato ai D20, a Drizzt e company!!! Come minimo dovreste aprirlo subito :D
Dai apritelo
fate felice un povero vecchio fissato :/

Bye

PinkO
12-07-2001, 17:59
GDR era comprensivo dell'argomento :)

seguendo le tendenze di questa comunità dovrebbe esserci comunque la parola UO davanti a tutti i forum :)

RiNcEwInD
12-07-2001, 18:15
IGH
D&D RULEZZzZZ
Ci si vede ul forum gdr allora...

Urien Rakarth
12-07-2001, 21:24
come ho già spiegato nel forum gdr D&D è il peggior gioko di ruolo esistente, mi ripugna anche solo l'idea di vedere un forum simile!

senza rancore :D

PinkO
12-07-2001, 23:07
Ti ripeto che il GDR lo fanno i players ed il master.......
e che D&D è il più comodo....
non pretendo che sia il migliore

Urien Rakarth
12-07-2001, 23:46
ma che il più comodo! ripieno di schifezze, tutto puntato al combattimento, irrealtà massima in tutto (i punti ferita che crescono, i livelli!).
a sto punto meglio giokare senza scheda.

Urien Rakarth
12-07-2001, 23:48
e poi come fai a dire che è comodo che ci stanno 51259736097340867092367139 libri di regole?

[iena]
12-07-2001, 23:49
vabbe la pensate diversamente su! :)
io personalmente non ci capisco un granche' pero' preferico i gdr su PC... molto piu' comodi :)

Urien Rakarth
12-07-2001, 23:54
molto meno gdr :D
(a parte ultima online, che può elevarsi fino a quasi ai livelli dei gioki da tavola)

PinkO
13-07-2001, 01:35
i manuali sono tutti opzionali tranne il Player..

RiNcEwInD
13-07-2001, 08:40
Urien, che un forum su AD&D ti schiferebbe io me ne sbatto :D
Dimmi qualcosa di meglio e lo adotto immediatamente, anche se non penso che quella banda di legali malvagi a cui faccio da master accetterebbe di buon grado di reimpararsi tutte le leggi :)
Come già scritto nei pc games un gdr per pc non può esistere, a meno che i prog non creino due storie diverse per il buono e per il malvagio! Finire BG o ID con una squadra malvagia non è neache lontanamente possibile.
Ciauz

Rebaf
13-07-2001, 10:53
Sono d'accordo con Pinko..

Non è certamente il sistema che fa il gdr..ma i player e il master..

E sicuramente si può fare dell'ottimo gdr giocando a D&D e AD&D...

Sul fatto ke ci siano tante regole...beh chi se ne frega s eun master ritiene giusto eliminare una regola che lo faccia..sempre nel bene della fluidità del gioco e del divertimento..

[ 13-07-2001: Message edited by: Rebaf ]

raziel
13-07-2001, 15:47
Originally posted by Rebaf:
<STRONG>Sono d'accordo con Pinko..

Non è certamente il sistema che fa il gdr..ma i player e il master..

E sicuramente si può fare dell'ottimo gdr giocando a D&D e AD&D...

Sul fatto ke ci siano tante regole...beh chi se ne frega s eun master ritiene giusto eliminare una regola che lo faccia..sempre nel bene della fluidità del gioco e del divertimento..

[ 13-07-2001: Message edited by: Rebaf ]</STRONG>

Mah, io di Sephy che fa il master non mi fido tanto... :rolleyes:

Urien Rakarth
14-07-2001, 16:14
forse semplicemente non avete mai adottato sistemi diversi, vi rendereste conto di quanto si gioka meglio con sistemi di regole tipo elish (10 pagine di regole rispetto a 400) o a ars magica (anche se devo dire che è più complicato di d&d) rispetto al d&d .

non sono il master e i giokatori che fanno il gdr al 100% perkè in ogni caso sei vincolato da regole assurde, che se non le segui non puoi più dire di stare giokando a quel gdr (dopotutto se io in d&d non seguo la regola dei livelli, la più inverosimile e fastidiosa, come posso dire di stare giokando a d&d??)

PinkO
14-07-2001, 17:32
Li ho usati TUTTI....
e con tutti intendo anche Deadlands et similia

Nuitari
18-07-2001, 03:58
Ma per piacere...
Come recitava il primo manuale di AD&D in lingua originale, le regole non sono parole sacre incise nel marmo, bensì un insieme di suggerimenti. Nient'altro. Il Master ed i PG, ma soprattutto il master sono responsabili di adattare il sistema alle proprie esigenze. D&D sicuramente era limitato e limitante ma questo non si può certo dire per AD&D.

SE un master si prende la priga di rivedere le regole adattandole alle proprie esigenze ed a quelle del gruppo, nulla viete di fare perfetto GDR senza per questo "non poter dire di stare giocando ad AD&D". La realtà è che di gruppi che seguono tutte le regole per filo e per segno non ce ne sono proprio (o comunque tanti quanti se ne possono contare sulle dita di una mano) e così è giusto che sia.

Parlando di Sistemi, durante le sessioni esistono due momenti distinti: quello del combatimento nudo e crudo e quello dell'interpretazione. All'interno di un combattimento, di cui l'unità di musura potrebbero esser perfino i secondi, qualsiasi regola va bene, a seconda della voglia dei giocatori di scendere nel dettaglio. Considerato che la maggior parte delle regole di AD&D riguardano questo preciso momento di gioco che rimane comunque UN ISOLA, direi che AD&D adempie il suo ruolo + che egregiamente rispetto ad altri sistemi o eccessivamente semplicistici o eccessivamente complicati. Anche in questo caso si tratta comunque di gusti, gusti che influenzano solo questo MOMENTO del gioco.

L'altro momento, quello del GDR, è svincolato da qualsiasi regola e NULLA vieta di giocarlo al pieno delle possibilità solo perchè si sta' usando AD&D come set di regole "base".
Il gradimento dei giocatori di tutto il mondo, anche dei più attempati, la dice lunga (categoria in cui m'icludo a buon diritto, credo).

In definitiva, i gusti non sono sindacabili. Dire che un sistema come AD&D limita il GDR è come dire che il Signore degli Anelli non è bello perchè poco "interattivo"... una cosa sensa senso.

Alas.

Urien Rakarth
18-07-2001, 17:26
d&d non ti vieta di fare gdr, su questo non c'è dubbio, anche perkè possono passare intere sessioni senza tirare nemmeno un dado, però quando è il caso di farlo, beh il sistema che adotta è uno dei peggiori che si possano utilizzare. A questo punto se tu a d&d gli togli i livelli, la crescita dei punti ferita, il fatto che uno potrebbe diventare un fabbro migliore anche senza combattere (kosa che non è attualmente possibile fare!), togli che i pg possano diventare delle divinità in terra, togli il fatto che le caratteristiche si tirano coi dadi, e togli questo e quest'altro cosa ti rimane? nulla, perkè quel gioko ha il concetto di fondo sbagliato. Su tutti i gdr c'è scritto che le regole possono essere tranquillamente cambiate, ma, a questo punto se le cambiamo tutte, stiamo veramente giokando a d&d o a qualcosa di nostro?

è come dire che BK sarà sempre uno shard come OSI, invece sono state cambiate talmente tante cose che non è più così, o mi sbaglio?

Anche osi va più che bene per interpretare un pg, allora perkè voi gli avete cambiato tutto il sistema di fondo? vedi nuitari il discorso è lo stesso, io lo applico ai gioki di ruolo, dicendo che una base sbagliata non mette in piena condizione ai giokatori di giokare veramente (e se lo dico è perkè l'ho sperimentato) e tu lo dici per ultima online, l'attuale base di uo non permette di fare seriamente del gdr, quindi o stai dicendo un'ipocrisia qui o lo stai facendo di là, poichè i discorsi sono identici.

Nuitari
18-07-2001, 18:14
Se proprio lo vuoi sapere, BK è stato costruito sui modellidi AD&D e Rolemaster.

Sei l'unico che reputa AD&D imperfetto fino a quel punto, ripeto, l'unico. O comunque insieme a te ci sono tante altre persone che cercano solo di far sensazione o che voglion fare gli originali a tutti i costi. E' solo ed unicamente un tuo parere e non puoi venderlo come universale perchè non è tale.
In tutto questo non ho mai parlato di Ultima Online. Confondere i GDR da tavolo con UO è.. ridicolo. Non centrano una fava. Ma proprio niente ed ancora nulla. E' solo ovvio che in un sistema come un videogioco, chiuso, fisso, "statico" diciamo, le regole abbiano la loro importanza. Questo non si applica ai sistemi da tavolo. Sono due cose distinte e non vanno mischiate. Sebbene noi abbiamo modificato pesantemente l'Ultima Online di OSI, BK è e rimane un server di Ultima Online, basato su il modello di OSI.

Per quanto riguarda la crescita delle skill, il sistema a livelli i PF e quant'altro, ripeto, è solo uno stile di gioco. Anche quello deve esser gestito in modo intelligente dai master ma è e rimane uno stile di gioco che IN OGNNI CASO non impedisce ne limita il GDR, che riguarda l'interpretazione di un profilo (quello del personaggio). Personaggi come tanis, Raistline caramon sono nati in un contesto di questo tipo e sono un LAMPANTE esempio di come del GDR di qualità superiore sia possibile con un sistema come AD&D. RIPETO: STATISTICHE, COMBATTIMENTO E QUANT'ALTRO NON CENTRANO UNA FAVA CON IL GDR DA TAVOLO. NULLA. Per quanto riguarda i videogiochi il discorso è diverso. Fare di tutta un erba un fascio è assurdo.

Allo stato attuale delle cose, AD&D è e rimane il sistema GDR più riuscito della storia, il più versatile e diffuso. Checchè tu ne possa dire.

[ 18-07-2001: Message edited by: Nuitari ]

PinkO
18-07-2001, 21:09
Tu ti sei rifiutato di usare D&D e se lo hai provato sarà stato per massimo 20 minuti...
è il sistema più facile, elimina tutte le possibili lamentele dei players, garantisce talenti equilibrati e vari ed i combattimenti sono i più veloci...
sono tre regole in croce...
se vuoi ti mostro quali sono i regolamenti davvero complessi...e quelli davvero elementari

Nuitari
19-07-2001, 06:39
Ma dicevi a me Pinko?

PinkO
19-07-2001, 10:49
mi spieghi se stessi parlando a te dove starebbe il filo del discorso? ;)

Nuitari
20-07-2001, 02:44
Evabbeh non ti arrabbiare :PPPppPPpp
mi era solo venuto un dubbio tutto li.. :PPPpPpppp

Urien Rakarth
20-07-2001, 05:52
allora non ci siamo:
innanzi tutto ho giokato i vari manuali di d&d di tutte le edizioni da circa 10 anni, e quindi parlo con cognizione di causa.

secondariamente: il parallelo ultima e gdr è non tanto per quello che possa entrarci di d&d in ultima, bensì se consideri io ho applicato lo stesso concetto che tu nuitari hai applicato per ultima: ho reso migliore ciò che c'era già, senza nulla togliere che con d&d si fa gdr lo stesso, come su osi si fa gdr come in uno shard meglio realizzato.

il punto è, se devo cambiare, alla fine cambio tutto ciò che non mi piace e alla fine io ho creato qualcosa di nuovo e diverso da d&d, che come tu hai fatto con bk sarà completamente nuovo e diverso da Osi.

quindi il parallelo è che sia con d&d che con Osi si può fare comunque gdr, ma se possiamo migliorarlo perkè non farlo? è quello che ho fatto io, e quello che hai fatto tu, infatti mi scandalizza il fatto che difendi d&d strenuamente, ma non difendi invece strenuamente la semplicità di OSI.

se su BK riprendi da rolemaster e d&d spero proprio tanto che non hai fatto na cosa a livelli e a punti esperienza, perkè sarebbe veramente demoralizzante per me... In ogni caso è ovvio che per realizzare un videogioko è meglio partire da un regolamento per "bambini" in cui tutto è prefissato e tabellizzato, poichè se prendi il mio GDR che ha il sistema di combattimento in cui il giokatore in accordo con le capacità combattive del pg, decide come colpire, dove colpire e ha bonus o malus a seconda di quanto è sensata l'azione: ad esempio io faccio un affondo con la spada, e l'avversario mi devia la lama con la sua facentola ruotare verso l'esterno, a questo punto io ho il fianco scoperto e il mio avversario può assestarmi un bel calcio nei reni. Ekko questo in un videogame come UO è irrealizzabile, ma volete forse mettere con un semplice tiro di dadi di d&d? io ho messo il combat a questo modo, dinamico, in cui bisogna usare intelligenza anche mentre si combatte e in cui i guerrieri non fanno sessioni solo di tiro dadi, ma si ingegnano e combattono a questo modo, rendendo le azioni sicuramente più divertente, cinematografiche e più tattike. Ora tirare semplicemente un dado per il combattimento è ottimo per giokatori alle prime armi, ma quando poi si diventa esperti si ricerca più teatralità, più complessità e così via, che in questo caso sta alla bravura di interpretazione del giokatore (che dovrà simulare anche la stupidità/intelligenza del suo pg nel combattimento, poichè un pg ogre combatte differentemente da un pg guerriero umano), quindi è una sfida molto più impegnativa di un semplice tiro di dadi. Questo d&d non me lo da (anche se può essere ricreabile) mentre su rolemaster è ancora più improbabile inserire un combattimento del genere. Oltre a questo ho aggiunto altre chickerie varie che alla fine mi hanno portato alla creazione di un nuovo gdr di concezione differente che io personalmente ritengo di gran lunga superiore a d&d (anche se ora è in fase di beta testing per provare alcuni sistemi di skill e magie) e che personalmente mi diverte di più perkè più realistico, più impegnativo come interpretazione e comunque più libero. Io dopo tanti anni di gioki vari la penso così, e nn è che lo fo per spirito di contraddizione.

Zorander
20-07-2001, 11:52
Mage the Ascension è sicuramente il piu' grande di tutti i giochi di ruolo!
( come prezzo, 30 $ + 40$ di spedizione )
vero Dev?

IlMule
20-07-2001, 12:09
[ 27-12-2001: Message edited by: IlMule ]

Nuitari
20-07-2001, 17:23
Ahahahha :D
Ma ti rendi conto che ti contraddici da solo?

A parte il fatto che, seppur non ad un così elevato livello di dettaglio, anche in AD&D (semttetela con D&D, quello è il passato) ed in Rolemaster (soprattutto) è possibile dettagliare maggiormente i comabattimenti, a parte questo, un eccessiva complicazione del combattimento è quasi in ANTITESI con il GDR (quasi).
In ogni caso, per quanto sia dettagliato un combattimento non si parla MAI d'interpretazione. Un combattimento esasperato (come già è esasperato in Rolemaster) non fa altro che tagliare le gambe all'interpretazione. Ci si concentra o si espande all'inverosimile un momento che deve sempre e comunque essere un momento e si tralascia tutto il resto.
Rimane una questione di gusti, alla fine, ma non diciamo fesserie: scegliere dove colpire con la spada non significa "interpretare", non centra proprio un accidente.

Per la scelta da parte del personaggio di come descrivere od immaginare il combattimento, è tranquillamente possibile anche con AD&D. Se dici che in AD&D tutto si risolve con un dado, in 10 nni (ipotetici) di gioco non hai capito un benemerito nulla di quel sistema. In AD&D il dado aggiunge l'elemento "casuale" a quasi qalsiasi tipo d'azione ESATTAMENTE come accade nella realtà. La proporzione affidata al destino varia sempre e comunque in base all'abilità del PG, abilità espressa a volte dalle semplici statistiche, più comunemente dalle scelte "stategiche" compiute dal PG (esistono innumerevoli possibilità d'azione all'interno d'un combattimento, in AD&D. Se non le avete mai utilizzate sono affaracci vostri).

Oltretutto è in contraddizione con quanto detto prima: in una prima fase mi elogi i sistemi semplici (io direi semplicistici) e poi mi parli di regolamenti più complicati e dettagliati?

Assurdo. Preferisco di gran lunga, come master che esercita la "professione" da più anni di quanti riesce a contare valorizzare i VERI momenti GDR, affidandomi per i combattimenti ad un mix di AD&D e Rolemaster come ho fatto fin'ora dandogli la giusta varietà senza mai scadere (e sottolineo scadere) nell'eccessivo dettaglio. Anche perchè questo distrae i PG. Come al solito Urien noto che salti di palo in frasca.

Ripeto, non mischiamo i videogiochi ai GDR da tavolo. Comunque, considerato che ti ostini a farlo.. OSI non è semplice, OSI non funziona, è diverso, molto diverso.
In un videogame i giocatori sono spinti a fare "videogame", non GDR. Se il videogame in questione non valorizza certi aspetti piuttosto che altri, i giocatori finiscono per fare un infinita ed inutile ricerca della skill. OSI per questo non funziona e sempre per questo motivo funzionerà BK, come naturale evoluzione di Ultima Online. Comunque, BK, rimane costrutio sulla base di OSI, rivista e migliorata, e per questo RIMANE Ultima Online, non qualcosa di diverso, così come il sistema che adotto per le mie partite rimane comunque AD&D, non qualcos'altro. Più funzionante del set base, ma comunque AD&D, innegabilmente.
In un GDR da tavolo il discorso è opposto. Il GDR da tavolo, per la sua intima natura, spinge i giocatori nella direzione del GDR e non in senso opposto. Solo in rarissimi casi il discorso è inverso è questo NON è il caso di AD&D.

BK sarà come dovrà essere, ho detto più volte che è basato su "più famosi sistemi da tavolo" e così rimane. Forse non piacerà a tutti ma sinceramente non potrebbe interessarmi di meno.

PinkO
20-07-2001, 20:18
Ahem Nuitari la terza edizione si chiama D&D nuovamente

Nuitari
20-07-2001, 20:45
Lo so lo so, ma io parlavo comunque della seconda, la più diffusa ed utilizzata.
La terza è interessante, ma non l'ho ancora approfondita a sufficienza.
Comunque, anche parlando della terza mi ostino a chiamarla "AD&D" :D E' più facile e ci sono affezzionato :p "ADVANCED" fa tutto più professionale :cool:

Urien Rakarth
20-07-2001, 21:25
sarei io quello che si contraddice? mi sembra di parlare a un muro.

sistemi semplici, interpretazioni più difficili. Questo è il concetto. Non tutto va lasciato al caso e spesso chi gioka a D&D (perkè si chiama così, ed è il futuro, Ad&d è il passato) gioka più o meno allo stile di osi, perkè tutto è fatto in funzione del combattimento e solo bloccando i pg al primo o secondo livello si può sperare minimamente di ottenere in loro una parvenza di normalità combattiva (altrimenti si gioka a quake con i mostri quando ci sono...). Interpretare un combattimento, con reazioni psicologiche, dinamicità dello scontro, i maghi che devono pronunciare (da pg) le parole dei loro incantesimi, se permetti è meglio che dire: attacco.

tu non la pensi così, punto. Gioka a Ad&d (in ogni caso la terza edizione è anni luce meglio della seconda), fai quel che ti pare, ma io ho provato entrambe le sfumature e tu? se non hai provato il sistema di cui parlo io (che tutto ha tranne peccare di semplicisticità, pur essendo regolamenti snelli e agili) non puoi capire.

una prova ce la vogliamo fare? oppure è meglio rimanere sempre e comunque fissi con le proprie idee? io dopo aver provato, preferisco i sistemi "teatrali".

Nuitari
20-07-2001, 21:52
Premetto che questo sarà il mio ultimo reply a questa discussione. Finito questo, me ne disinteresserò.

Tu dici che ri sembra di parlare con un muro, io dico la stessa cosa. Chi ha ragione? Non m'importa. Ognuno di noi rimarrà con la sua idea.

Chi ti ha detto che non ho provato altri sistemi? Posso averli provati e possono anche tranquillamente avermi fatto schifo, alcuni nella forma più totale dello schifo e del rebrezzo, altri meno.

Come Elish per esempio. L'ho provato, ci ho giocato un po', non mi è piaciuto. Fine. Stesso discorso per altri sistemi teatrali che puntano sul gioco freeform.

Certamente non mi metterò a fare una lista dei sistemi/ambientazioni con/su cui ho giocato o meno. Non m'interessa convincere chicchessia della mia esperienza come Giocatore di Ruolo o della mia abilità come Master.

Esistono diversi stili e sistemi di gioco ed in ognuno d'essi basta avere un po' d'intelligenza e di esperienza per fare GDR a tutti gli effetti, divertendosi. Sono quelle le doti fondamentali, non è certo il sistema ad essere discriminante. E questo ripeto, riguarda SOLO i giochi da tavolo, non i videogiochi, checchè tu ne possa dire. Non lo pensi? Rigiro la domanda: chi di noi ha cognizione di causa per poterlo dire? Oh certo avrai fatto le tue esperienze, non ne dubito.. d'altronde come può smentirti chi non ti conosce? Ammesso di averne l'interesse.

Io ho scelto il mio stile, tu il tuo, la cosa non mi tange e non ti tange, minimamente.

Adios.

Urien Rakarth
20-07-2001, 22:54
allora: tu prendi tutto troppo sul personale.

in ogni caso Ad&d 2 edizione proprio non mi piace minimamente, d&d 3 edizione già è moooooooooooolto meglio, solo che io non riesco a concepire cose tipo che un pg nn possa mettersi a fare il fabbro e non migliorare mai perkè non prende parte ad avventure. Capisco che tanto alla fin fine un giokatore farà un avventuriero, però è il concetto di fondo che non capisco. In secondo luogo non concepisco il perkè si alzano i punti ferita con i livelli (anche se una buona spiegazione viene da un mio amico che dice che i pf sono la misura della cinematograficità di un pg, un guerriero con tanti pf, resta davanti alla telecamera più tempo, diventando più eroico di un mago che invece fa tutto nelle retrovie). e altre cose così, su questa scia, per questo non sopporto d&d, pur ammettendo che la 3 edizione è molto giokabile, con più variazione tra pg della stessa classe et similia. Però preferisco altro proprio alla luce di questo discorso. Inoltre non voglio mettere in dubbio che il sistema alla fine conta poco, però a me piace poco che i giokatori si riferiscano al proprio pg come ad un guerriero di 13esimo livello. Mi distrugge l'atmosfera, non so se rendo.

il parellelo ultima-d&d non era tanto per dire che un gdr da tavolo è come un videogioko, bensì per dire che alla fine abbiamo attuato lo stesso percorso applicato a ambienti diversi, e cioè abbiamo cercato di migliorare ciò che secondo noi era sbagliato, è una colpa? io non credo proprio, perkè l'andare verso il meglio è proprio dell'uomo e io così ho fatto.

anche se non leggerai tale reply non importa, l'importante è che si capisca che io non lo fo per spirito di contraddizione, ma perkè cerco di migliorare tutto ciò che trovo, è la mia natura purtroppo. e spesso commetto errori di presunzione, ma questo è un discorso differente.

PinkO
21-07-2001, 00:38
chi gioca a D&D nominando livelli epunti ferita non sa giocare...oppure gioca OSI style......
quello chh cerchiamo di farti capire è che, con un gruppo intenzionato ad interpretare, regole ben strutturate risolvono i combattimenti ed i lati tecnici rapidamente, senza contestazioni e senza disturbo al roleplaying

Urien Rakarth
21-07-2001, 01:53
ma con estremo irrealismo o nel caso di rolemaster con estrema lentezza ed impossibilità di scelta da parte dei pg.

raziel
21-07-2001, 17:14
Sinceramente io D&D non lo vedo così tanto incentrato al combattimento, quando gioco io con i miei amici e Sephy fa il master facciamo anche cose come andare a caccia di tesori, visitare caverne ecc.

Urien Rakarth
23-07-2001, 06:13
non hai capito, quella è l'impostazione che ne dà il master, pensa ad esempio che io in diciamo in 60 ore di gioko ho fatto combattere i miei giokatori solamente 2 volte. Il problema è che incentrato sul combat significa che qualsiasi regola fatta su quel manuale e qualsiasi classe è fatta in modo da essere un combattente al 100%, perfino il ladro nella terza edizione è fatto per combattere e basta. E io che non faccio generalmente combattere troppo come mi ritrovo? con pg squilibratissimi che l'unica cosa che sanno fare e che a regole li farebbe passare di livello (urgh) è una cosa che generalmente non fanno. E questo mi porta a dover cambiare radicalmente tutto il sistema di esperienza, skill (molto poco usate su d&d, visto che sembra che i pg siano spastici per quanti pochi punti hanno sulle abilità non relative alle armi...) e quant'altro ancora, e questo sinceramente è quello che mi infastidisce di più in questo gioko... Cioè io gioko psicologicamente coi personaggi, e cerco di farli ragionare, vivere come persone normali che usano molto di più le abilità tipo investigare, biblioteconomia, conoscenze varie piuttosto che le armi. E il sistema di d&d non supporta gran che bene questo. Se invece vogliamo fare un dungeon e via bene, d&d è sicuramente il migliore.

PinkO
23-07-2001, 15:26
Ma passare di livello è un Optional non è necessario!
Puoi anche lasciare tutto ad un livello bassissimo ed interpretare e basta oppure creare una campagna roia....è un sistema creato per accontentare tutte le visioni di gioco.....
c'è anche chi predilige il Diablo style e si diverte....
perkè negarglielo?